Reagire/2

di Gianfranco Nappi. VENERDI’ SARO’ A PORTICI Contro questa marea montante di nazionalismi, sovranismi. Qui davvero la vicenda italiana si sta manifestando come un detonatore di tutti i nazionalismi e gli sciovinismi già maturi nel corpo europeo: Austria, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, CSU Tedesca… Ha ragione Salvini: emerge una Internazionale leghista. Questa Internazionale…

Reagire

di Gianfranco Nappi. Non c’è limite alla regressione. Non c’è un fondo oltre il quale non si può andare. Per questo è fondamentale reagire. Siamo in presenza di un capovolgimento di tutti i termini reali dei problemi. A questo capovolgimento occorre rispondere punto su punto. Non stancarsi. Con pazienza e fermezza. Anche con l’umiltà di…

Poverta, Priorità del Paese

di Rosario Stornaiuolo, Presidente Federconsumatori Campania-Napoli – Secondo i dati ISTAT sono 5 milioni e 58 mila i poveri assoluti, di cui 1 milione e 778 mila famiglie. Negli ultimi 10 anni il tasso di povertà ha registrato un incremento dal 3,3% al 7,9%, record assoluto rispetto dal 2005. In crescita anche la povertà relativa…

Appunti sul Governo che verrà

Dal Saggio di Gianfranco Nappi di apertura del numero 5/2018 – E’ possibile che il Governo che verrà non reggerà al peso delle sue intime contraddizioni, che dopo la fase di avvio la diversità di posizioni prevarrà impedendo qualsiasi forma di equilibrio. E’ possibile. E’ possibile che non si consolidi una relazione ma anche che…

Contraddizioni: il Ministro dell’Interno e Orban

Lo scorso 5 giugno il Ministro dell’Interno, mostrando italianamente i muscoli, non è andato al vertice in Lussemburgo che ha discusso delle modifiche del Regolamento di Dublino sull’accoglienza dei Migranti. La proposta di mediazione della Presidenza bulgara non è stata accettata. Anche se a distanza, la voce grossa l’ha fatta anche il nostro Ministro dell’Interno….

Contraddizioni: dedicato a Soumalia Sacko

Soumalia Sacko con la sua morte ha  squarciato il velo, ha posto ciascuno di fronte alle proprie responsabilità, oltre ogni luogo comune, oltre ogni indifferenza, oltre ogni strumentalizzazione. Non è storia recente, ma oggi è sempre più forte : c’è una agricoltura che si fonda sullo sfruttamento dei migranti. Si può continuare a far finta…

Sinistra e Popolo

di Pietro Folena – Il 4 marzo del 2018 chiude in modo definitivo una storia.

Ha ragione chi, a caldo dei commenti del voto, ha detto che siamo entrati nella Terza Repubblica. Non so, sinceramente, se sarà quella dei “cittadini”, oppure una Weimar all’italiana, fragile, in cui paure e insicurezze prendono forme politiche sconosciute.